Slow Wine 2020 a Monaco di Baviera

Il cibo è una cosa seria e Carlo Petrini ne conobbe l’importanza quando nel 1986 fondò il movimento Slow Food. Il suo scopo non era solo quello di far mangiare e bere alle persone, ma di sostenere il cibo locale e la cucina tradizionale. Entusiasta di prendere parte a questo evento e di mostrare il mio sostegno alle piccole imprese locali, mi sono diretto all’evento Slow Wine 2020, che si è tenuto a Monaco, all’inizio di febbraio. La location scelta per l’evento è stata la cantina di Eataly. I tavoli degli enologi si fondono perfettamente con gli scaffali carichi della cantina, creando un’atmosfera bella e suggestiva.

Un ringraziamento speciale per il successo dell’evento va a Cardwell, una figura ben nota, a , nel settore del vino e nella sua comunicazione. Ha fatto un ottimo lavoro portando per l’occasione quasi 60 produttori italiani e 4 importanti consorzi di vino.

Since the name says: “Slow Wine” I decided to take it SLOWLY and fully enjoy the event.

Ho iniziato con una degustazione di Taste and Talks. Per noi 5 vini indigeni italiani sono stati scelti per assaggiare l’espressione di un’uva e del suo territorio. L’Italia è una delle nazioni produttrici di vino con il maggior numero di vitigni . Una delle proposte di Slow Wine è quella di valorizzare e far conoscere queste uve belle e rare.
La prima bottiglia era un Forli Bianco IGT, Villa Venti ‘Serenaro’ 2018 ottenuto dall’uva Famoso di Cesena. Nonostante il nome che ha portato per secoli, è ancora un’uva sconosciuta che era quasi scomparsa. Il vino era con buccia d’arancia, molto acido e molto secco. Un grande vino giovane.

La seconda bottiglia mi ha portato vicino ad Alessandria, in Piemonte, con il Colli Tortonesi Timorasso DOC Derthona, Borgogno & Figli, 2018. Il Timorasso è un’uva difficile da coltivare, che è stata quasi estinta, ed è stata salvata da un singolo produttore negli anni ’80 . Il risultato è un vino bianco di grande struttura e note aromatiche di lunga durata. È un po ‘giovane, ma con molto potenziale. Ciò è stato confermato anche da Conrad Matters, un appassionato di vino, innamorato di quest’uva e attualmente in missione personale per introdurlo nel mercato tedesco. Al fine di ottenere il riconoscimento internazionale è stato recentemente creato un consorzio per promuovere e far conoscere il timorasso a livello internazionale.

La terza bottiglia era un Grignolino d’Asti Doc 2018, Luigi Spertino, che è anche un’uva piemontese. Quest’uva produce un vino di colore estremamente chiaro (quasi rosato). La dell’uva è breve perché l’uva ha molti semi che potrebbero interferire con la qualità finale del prodotto. Il risultato è un vino estivo che è più pronunciato di un rosato e riempie la bocca con una struttura fresca.

La quarta bottiglia era un Pramattone IGT Croatina della Provincia di Pavia 2017, Bisi, un’uva rustica lombarda. Produce vini con colore e corpo. La bottiglia che ho assaggiato era davvero potente al naso, con frutti rossi selvatici e un pizzico di spezie. Un vino perfetto con prosciutto crudo.

La bottiglia finale era un Refosco dal Peduncolo Rosso 2017 del Friuli Grave DOC, Vendrame, proveniente dal nord-est Italia. Il Refosco dal Peduncolo Rosso non è in realtà una sola varietà ma una famiglia di uve coltivate oltre confine italiano e sloveno. L’uva, menzionata anche da Plinio, è un’antica, rustica, che produce un vino spigoloso, a base di erbe. Quello che ho assaggiato è stato un perfetto esempio dell’uva, non enorme al naso, ma di grande gusto dove dolcezza, note erbacee e un pizzico di amarezza finale si fondono su uno stadio di bacche rosse.

Felice di questa introduzione di alcune uve autoctone italiane, ora sono pronto per approfondire la degustazione di queste gemme dall’Italia.

Mi sono avvicinato al tavolo di Bosio, un produttore biologico certificato della Franciacorta, che ha sposato il suo amore per la terra con l’innovazione tecnologica. Il Girolamo Bosio 2011 di Franciacorta Pas Dose è un Franciacorta rosa ben bilanciato con note di lievito e frutti di bosco. Un piacere in bocca.

 

Il tavolo del Consorzio Tutela Lugana DOC è venuto alla mia attenzione. Su un solo tavolo c’era un numero incredibile di diverse bottiglie di Lugana di molti produttori. Qui in Germania Lugana di solito è associata al nome popolare di “Ca Dei Frati” con il suo milione di bottiglie prodotte. Avere la possibilità di provare la stessa uva da altri produttori era quindi un must. Ciò che è comune a questi vini è la freschezza, ma tutte le diverse interpretazioni di quest’uva hanno le loro caratteristiche che rappresentano ogni produttore di vino.

Sono stato anche incuriosito dai vini dell’Officina del Sole, una giovane azienda che produce vino, olio d’oliva e offre ospitalità. Il produttore ha sviluppato un concetto completo basato sulle sue offerte. Il vino riflette l’armonia tra i vitigni locali con le uve internazionali. Mi è piaciuto in particolare il Falerio Pecorino Franco Franco, Officina del Sole, 2016, una vendemmia tardiva che offre un sapore profondo e ricco di agrumi e frutti gialli di lunga durata, anche grazie al suo passaggio in barrique.
E, ultimo ma non meno importante, il Sauvignon. A pochi metri l’uno dall’altro c’erano 3 importanti produttori del Collio, nel nord-est dell’Italia, con i loro sauvignon più votati. Venica e Venica con il suo Sauvignon Collio Friulano Ronco delle Mele 2018, Muzic con il suo Collio Sauvignon Pajze 2018 e infine Marjan Simčič con il suo Brad Sauvigno Blanc Opoka Jordan Cru 2017. Erano tutti fantastici sauvignon con un naso incredibile. Muzic ebbe una nota di erbe finale più pronunciata; Venica e Venica avevano una dolcezza più sottile, e Marjan Simčič aveva una grande e opulenta mineralità. Qual è stato il migliore? Non fornirò una risposta poiché, secondo me, ognuno di loro avrebbe il suo momento di perfezione sul mio tavolo.

        

Spread the love

Lascia un commento